Lombardia Beni Culturali
120

Carta venditionis

1193 febbraio 5, San Salvatore.

Arioldo, arciprete della canonica di Santa Eufemia dell'Isola Comacina, dichiara di avere ricevuto da Giacomo, abate del monastero di Santa maria di Acquafredda, sedici lire di Imperiali per la vendita, avvenuta con il consenso dei suoi confratelli Odelmario e Lanfranco, di tutte le terre acquistate da sopradetto monastero in territorio di Masimanego; e detto abate abate confessa di avere ricevute le sopra pagate sedici lire da Attone de Castello, dell'Isola Comacina, in virt¨ della vendita di terre che giÓ furono di Pietro Cagaše.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1490 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 124, pp. 241-242. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 451r; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 408r; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 106, cc. 18v-19r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1490, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico. Nota di repertorio Bianchi alla voce "Monastero di Acquafredda", BAMi, K 212 suss., p. 202.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1490".




Il documento Ŕ vergato sulla stessa membrana che conserva la vendita qui edita al numero 119, alla quale si rimanda per la descrizione dello stato di conservazione e per la trascrizione delle note dorsali.
Per attinenza contenutistica, si rimanda ai docc. qui editi al n. 119 e al n. 121.

(SN) Anno dominice incar(nacionis) mill(esimo) cent(esimo) nonag(esimo) tertio, quinto die intrante febr(uarii), indic(ione) undec(ima). Manifestum fuit domino archipresbitero (a) Arioldo, canonice | Sancte Eufemie de Insula, se accepisse a domino Iacobo, abati Sancte Marie Aquefrigide, ad partem et utilitatem suprascripte canonice, libras se|decim de bonis Inperialibus, et quos den(arios) ipse dominus abax confessus est se accepisse ab Attone de Insula, qui dicitur de Castello, nominative de terris quas ei | vendiderat suprascriptum monasterium et que fuere condam Petri CagaŹe (1). Et ideo suprascriptus archipresbiter, consensu et parabola Odelmarii et Lafranci fratrum | suorum, tradidit et vendidit suprascripto domino abati, ad partem et utilitatem suprascripti monasterii, omnes illas res territorias, inintegrum, quas aquistaverant | a suprascripto monasterio in territorio de Masimanego, eo ordine ut ipse dominus abax et sui fratres et eorum succesores et cui dederint faciant de suprascriptis | terris, iure proprio, cum omnibus accesionibus et ingresionibus suis, inintegrum, quicquid facere voluerit, sine sua et suorum succesorum contradictione. Insuper promisit | suprascriptus archipresbiter, pro se et suis succesoribus, suprascripto emtori et suis succesoribus et cui dederint suprascripta vendita iure ab omni homine in duplum defende|re, cui defensioni obligavit pig(nori) omnia bona ipsius canonice, quia sic inter eos convenit. Actum Sancto Salvatori. Interfuerunt Anselminus de Soma|gna et Lafranchinus, filius condam Bocavarie, rogati testes. |
(SN) Ego Iohannes sacri pallatii notarius interfui et rogatus scripsi.

(a) In A archip(res)b(i)b(te)ro, qui e in seguito, secondo un uso caratteristico del rogatario.

(1) Cf. docc. n. 117 e n. 119.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS