Lombardia Beni Culturali
123

Carta solutionis

1195 gennaio 13, Como.

Aldo, abate del monastero di San Benedetto, sito sul monte Oltirone, alla presenza del monaco Attone e del converso Giovanni, consegna a Giuliana, badessa del monastero di Santa Maria, sito nei pressi della città di Como, alla presenza di Tarsilla, Vittoria, Colomba, Concordia, Liberata, Agata, Ilaria e Perpetua, monache di quel monastero, cinquantacinque lire di denari nuovi di Milano, che sono parte della somma di complessive settantasei lire di denari nuovi dovute per l'acquisto della decima in Val d'Intelvi, a Pona inferiore, a Pona superiore e a Pona di mezzo, e dette cinquantacinque lire spettano all'abate di San Benedetto da parte di Quaresima, badessa del monastero di San Giacomo di Menaggio, quale prezzo dei beni di Bregexia dalle monache acquistate dal monastero di San Benedetto.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1494 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 128, pp. 252-253. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 451r; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 408v; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 110, cc. 19v-20r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1494, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico. Nota di repertorio: Bianchi, BAMi, K 212 suss., p. 218 (alla voce "Monastero di San Benedetto").
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1494".
Nel verso, di epoca medievale, del secolo XIII: "Car(ta) solucionis q(uam) fecit abb(a)s S(an)c(t)i B(e)n(e)dicti abbatisse monasterii S(an)c(t)e Marie d(e) libr(is) .LV.no p(ro) d(e)cima Ponar(um)". Inoltre: segnatura di fase C: "C, n. 3"; regesto Ferrario. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "128 .MCXCV."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "110".

Cf. BELLONI, Il San Benedetto, p. 60; Tabella cronologica, p. 119 (da Bonomi).

La pergamena (mm 260/249 x 217/213) presenta sensibili lacerazioni in corrispondenza delle antiche piegature, nonché alcune lievi macchie, diffuse soprattutto in prossimità della piega mediana verticale e del margine laterale sinistro.
Rigatura a mina di piombo.
Indizione settembrina.
Per attinenza contenutistica, si rimanda al doc. qui edito al n. 124.

(S) Anno dominice incar(nacionis) mill(e)x(imo) cent(eximo) nonagex(imo) q(ui)nto, terciodecimo die intrante ianuario, indic(ione) terciadecima. In bonorum hominum presentia, | quorum inferius legitur nomina, domnus Aldo, abbas monasterii Sancti Benedicti, siti in monte Oltironi, presentibus domno Attone monacho | eiusdem monasterii atque Iohanne converso suo, ex parte ipsius monasterii, dedit et solvit domne Iuliane, abbatisse monasterii | Sancte Marie, siti prope Cumanam civitatem, ad partem et utilitatem ipsius monasterii, ibi asistentibus domna Tarsilla, domna | Victoria, domna Collonba, domna Concordia, domna Liberata, domna Agatha, domna Illaria atque domna Perpetua, mona|chabus ipsius monasterii, libras quinquaginta et quinque denariorum novorum Mediolanensium, de precio (a) illius decime de qua ipse | domnus abbas fecerat mercatum cum ipsa domna abbatissa precio librarum septuaginta et sex denariorum novorum, ut in allio pu|blico instrumento legitur (1), que decima est in Antellavo, in Ponis, videlicet in Pona inferiori et in Pona de medio atque | in Pona superiori. Quas libras quinquaginta et quinque solvit eidem domno abbati domna Quadragexima (b), abba|tissa monasterii Sancti Iacobi de Menaxio, pro precio rerum de B(re)gexia quas emit ab eo. Pro quibus libris quinquaginta et quinque | dandis in emptionem, ad partem suprascripti monasterii Sancte Marie, terre vel decime aut casarum hinc ad annum unum proximum, | ad partem ipsius monasterii, ipsa domna abbatissa, consilio et parabola suprascriptarum monacharum suarum, eidem domno abbati, ad | partem suprascripti monasterii Sancti Benedicti, omnia bona presentia et futura suprascripti monasterii Sancte Marie pignori obligavit. De qua | predicta emptione, quam (c) faciet de iamdictis denariis, facere debet ipsa vel eius (d) succetricis eidem domno abbati vel sui successori cartam | cambii, in laude iudicis sui, de suprascripta decima Ponarum. Quod si ipsam emptionem non fecerit et cartam cambii, ut supra dictum | est, similiter ei non fecerit hinc ad annum unum, anno elapso, si prefatum monasterium Sancti Benedicti pro carta cambii | requirenda dispendium fecerit aut si ex eo, quod cambium ei non faciat, ipsum monasterium Sancti Benedicti dampnum aliquod | passum fuerit, restituere ei debet illud dispendium et dampnum. Et si hoc facere cessaverit, ipsa domna abbatissa | regressum habeat ipse domnus abbas et eius successores super bonis predicti monasterii Sancte Marie donec restitutus | fuerit de omni dispendio et dampno, quia sic inter eos convenit. Actum infra claustrum monasterii Sancte Marie. | Prefata domna abbatisa et monache hanc cartam fieri rogaverunt. Interfuerunt testes Gualdericus sescalcus et Arialdus de Tre|ano et Petrus de Lalio et Iohannes de Stabio. |
(S) Ego Ospinellus iudex hanc cartam tradidi et subscripsi. |
(S) Ego Iohannesbonus iudex, rogatu Ospinelli iudicis, hanc cartam scripsi.

(a) In precio p- corr. da lettera principiata, come pare.
(b) In Quadragexima Q- corr. da latra lettera parzialmente erasa.
(c) quam corr. da qui e seguito da una lettera erasa.
(d) In A ei.

(1) Il doc. a cui si fa riferimento è quello qui edito al n. 122.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS