Lombardia Beni Culturali
129

Carta venditionis

1195 dicembre 15, Como.

Pocobella, figlia del fu Bono Brelia, di Ossuccio, vedova di Parente Gallo, di Riva di Lenno, professante legge Longobarda, con licenza di Guglielmo de Veriano, giudice e messo regio, vende ad Aldone, abate della chiesa e del monastero di San Benedetto del monte Oltirone in pieve d'Isola, numerosi terreni siti a Ossuccio e i diritti ad essi pertinenti, ovverosia in dettaglio: metà vigna indivisa, sita ove dicesi in Arcila; metà campo indiviso, sito ove dicesi in Castegnia; metà sedime indiviso, con corte e casa, sito ove dicesi ad Carale; un altro metà sedime indiviso, pure con corte e casa, sito subtus ecclesiam; metà orto indiviso, sito ove dicesi in Bonago; metà prato indiviso, sito ove dicesi in Predalaveza, al prezzo complessivo di dodici lire di denari nuovi, che sono parte di quelle diciannove lire di denari nuovi che il suddetto Aldone abate aveva ricevuto da Guidone, agente per conto della chiesa di San Bartolomeo di Chiuro.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1500 [A]. Copia semplice parziale del sec. XIII, BAMI, 1496 [B]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 133, pp. 260-263 (da A) e altra trascrizione Bonomi, BBMi, ivi, n. *ante 134, pp. 340-342 (da B). Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 451v; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 409v; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 115, cc. 20v-21r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1500 e n. 1496, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico. Nota di repertorio: Bianchi, BAMi, K 212 suss., p. 218 (alla voce "Monastero di San Benedetto", con rimando alla pergamena n. 1500).
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1500" e "1496".
Nel verso di A, di epoca medievale, probabilmente del sec. XIII: "De Usuzio" (si tratta della medesima mano che appone la nota dorsale sul doc. successivo). Inoltre: regesto di fase B: "Venditio t(er)rarum et domor(um) ubi | d(icitu)r i(n) Arcisate, i(n) Castegna, | ad Carrale, subt(us) eccl(es)ia(m) [...] | [........], i(n) Bonago, i(n) Preda|laveza, i(n) co(mun)i de Usutio"; segnatura di fase C: "D" (lettura incerta), non accompagnato da numero o con numero illeggibile; regesto Ferrario, leggibile solo con l'ausilio della luce di Wood. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "133 .MCXCV."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "115".

Cf. Tabella cronologica, p. 120 (da Bonomi).

La pergamena di A (mm 286/272 x 275/256) presenta sensibili lacerazioni in corrispondenza delle antiche piegature, in particolare alle righe 14 e 23, accompagnate pure da piccoli fori. Nel margine laterale sinistro, in corrispondenza delle righe 4 e 6,sono presenti due rosicature, che tuttavia interessano la scrittura in modo trascurabile.
Tracce di rigatura a mina di piombo.
Manufirmatio fittizia, con numero di croci non corrispondente al numero dei testimoni.
Nel margine inferiore, di mano del rogatario, si legge: "D(e)n(arii) .XI".
Indizione settembrina
B è vergato sulla stessa membrana che conserva il documento qui edito al numero 128, al quale si rimanda per la descrizione dello stato di conservazione, per la trascrizione delle note dorsali e per una contestualizzazione circa la redazione delle due copie.

(S) Anno dominice incar(nacionis) mill(eximo) cent(eximo) nonag(eximo) quinto, quintodecimo die intrante mense decemb(ris), indic(ione) quartad(e)cima. Venditionem (a) et traditionem | ad proprium fecit Poccobella (b), filia quondam Boni Brelie, de loco Uxuzo, et relicta quondam Parentis Galli, de Riva Lepne, que professa fuit lege vivere | Longobardorum, licentia et auctoritate Guilielmi (c) de Veriano, iudicis et missi regis, qui eam vice parentum interrogavit si aliquam patitur violen|tiam ad hanc venditionem faciendam, in cuius presentia et testium certam fecit professionem et manifestationem quod nullam patitur violentiam ad | ipsam venditionem faciendam, set sua spontanea volontate eam est visa facere, domino Aldoni, abati ecclesie et monasterii Sancti Benedicti de monte | Altirono (d) de plebe de Insula, ad partem et utilitatem ipsius ecclesie et monasterii, nominative de medietate pro indiviso unius petie vinee reiacente ad locum ubi | dicitur in Arcila, coheret ei: a duabus partibus via, ab alia heredum quondam (e) Casii (f) de Insula, ab alia Uberti (g) Brelie; et de medietate pro indiviso unius petie campi | reiacente ad locum ubi dicitur in Castegnia (h), coheret ei: ab una parte via, ab alia ospitalis (i) de Insula, ab alia Lafranci de castello de Varena, ab alia terra | quam tenet Otto de Nebialo (j); et de medietate pro indiviso unius sediminis cum curte et domo, et dicitur ibi ad Carale (k), coheret ei: ab una parte Guidonis de Campo|longo, ab alia via, ab alia Guidradi Ponzoni, ab alia Guidonis de Campolongo; et de medietate pro indiviso alterius sediminis (l) cum curte et domo, reiacente | subtus ecclesiam, coheret ei: a tribus partibus Guidonis Rubei et fratris, ab alia Colzavaze filii Zobie; et de medietate pro indiviso unius orti, ubi dicitur in Bonago, | coheret ei ab una parte Vitalis Pistoni, ab alia suprascripti Guidonis et fratris, a duabus partibus suprascripti Colzavaze; et de medietate pro indiviso unius petie prati, reiacente | ubi dicitur in Predalaveza, coheret ei: a duabus partibus (m) emptorum, ab alia via, ab alia vallis; et iacent predicte petie omnes in territorio de Uxuzo. Et de omni iure | et utilitate sibi in ip[sis et pro] ipsis rebus conpetente [v]el pertinente, ita ut ipse dominus abas et eius fratres ac eorum successores et cui dederint habeant et teneant (n) | suprascriptas res omnes et faciant exinde, cum superiore et inferiore seu cum fine et accessione sua, inintegrum, iuris proprietarii nomine, quicquid facere voluerint, sine | contradic(tione) suprascripte venditricis et eius (o) heredum. Quidem insuper promisit, obligando omnia sua bona pignori, ipsa Poccobella, pro se et suis heredibus, eidem domino | abati, ad partem ipsius ecclesie, defendere et guarentare ei et fratribus eius ac eorum successoribus et cui dederint prefatas res venditas, sicut superius legitur, inintegrum, ab omni | homine omni tempore, iure et ratione, et pro suo dato et facto, suo pignore et dispendio, in pena (p) dupli, que res superius vendite evenerant dicte Poccobelle | ex parte patris et matris eius, sicut ibi dicebant. Et pro pretio et solutione suprascriptarum rerum venditarum dedit et solvit ipse dominus abas, ex parte ipsius monasterii, eidem | Poccobelle, ibi coram iudice et testibus, libras duodecim denariorum novorum, q(ui) d(e)n(arii) fuerunt de illis libris decem et novem denariorum novorum quas ipse dominus | abas accep(it) de rebus quas, ex parte ipsius ecclesie, vendidit domino (q) Guidoni de Sancto Bartholomeo de Clurio, ad partem ipsius ecclesie, que predicte res emp|te debent teneri a suprascripta ecclesia per cambium, loco et vice ipsarum rerum venditarum eidem domino Guidoni, quia sic inter eos convenit. Actum Cumis. |
Signum † man(us) iamdicte venditricis que hanc cartam ut supra fieri rogavit.|
Signum † manuum Arialdi de Dervio et Arialdi de Vita et Alberici Coci et Lanterii Galli et Guilielmi de Subtus ecclesiam et Arnaldi de Carate testium. |
(S) Ego Guilielmus, iudex et missus domini Frederici imperatoris, suprascriptam Pocobelam (r) interogavi ut supra et licentiam et auctoritatem prestiti et subscripsi (s). |
(S) Ego Ugo iudex hanc cartam tradidi et scripsi.

(a) In B vendicionem, con uso costante in seguito del nesso -ci- prevocalico.
(b) In B Pocobella, alternato in seguito a Pocobela.
(c) In B Guillielmi.
(d) In B Altirino.
(e) In A, in q(uon)da(m) -d- corr. da lettera principiata, come pare.
(f) In B Cassii.
(g) In A, in Ub(er)ti -t- corr. da lettera principiata, come pare.
(h) In B Castagnea.
(i) In B, in ospital(is) o- corr. da lettera principiata.
(j) In B Nebiallo.
(k) Così in A e in B.
(l) In A sediminis è seguito da rasura per lo spazio di due lettere.
(m) B ripete erroneamente coh(e)r(et) ei a duab(us).
(n) A e B ripetono erroneamente et teneant.
(o) In A eius su rasura.
(p) In B penam.
(q) In A e B dono privo di segno abbr., qui e nelle successive occorrenze.
(r) Così A.
(s) In A et s(ub)s(crips)i nel sottolineo con linea d'inclusione.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS