Lombardia Beni Culturali
130

Breve finis

1196 gennaio 21, Isola nuova.

Zufa, vedova di Michele, di Riva di Lenno, fa refuta nelle mani di Antelmo, priore della chiesa di Santa Maria di Acquafredda, di tutti i diritti che ella deteneva su di una casa sita in territorio di Lenno, ove dicesi ad Ripam; e fa refuta anche di una parte di un orto sito dopo la chiesa di San Giovanni di Lenno, al prezzo di nove soldi e quattro denari di denari nuovi di Milano.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1501 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 134, pp. 263-264. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 452r (ma in data 11 gennaio); Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 409v; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 116, cc. 20v-21r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1501, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico. Nota di repertorio Bianchi alla voce "Monastero di Acquafredda", BAMi, K 212 suss., p. 202.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1501".
Nel verso, di epoca medievale, di fase A: "Car(ta) finis facte a ‚ufa de Ripa". Inoltre: segnatura di fase C: "B, n. 39", leggibile solo con l'ausilio della luce di Wood; regesto Ferrario, identicamnete leggibile solo con l'ausilio della medesima lampada. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "134 .MCXCVI."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "116".



La pergamena (mm 141/139 x 97/95) presenta alcune piccole macchie, accompagnate da punti di abrasione accidentale dell'inchiostro, specie nella parte centrale del supporto. Si rilevano inoltre modeste lacerazioni in corrispondenza delle antiche piegature.
Tracce di rigatura a mina di piombo.
Indizione settembrina.
Si rileva la presenza di linee tipo chiudiriga nell'escatocollo (righe 15-16).

(SN) In nomine domini nostri Iesu Christi mill(exim)o cent(eximo) nonag(eximo) sexto, die und(e)cimo exeu(n)te ianuario, indic(ione) qua|tuord(e)cima. Finem et refutationem et pactum de non petendo fecit ‚ufa, relicta quondam Michaellis, de | Ripa de Lenno, in manibus domini Antelmi, prioris eclesie Sancte Marie de Aquafrigida, nominative de | omnibus illis rationibus et accionibus et iuri quod et quas habebat et sibi pertinebat in quodam casalicio reiacente in territorio | de Lenno, ad locum ubi dicitur ad Ripam, cui coeret ei: a mane et a meridie predicte eclesie de Aquafrigida, a sero et a nulla hora | via; item finem fecit de parte unius orti reiacenti post eclesiam Sancti Iohannis de Lenno, cui coeret ei: a mane et a meridie et | a sero terra predicti Sancti Iohannis et canonicorum Sancte Eufumie (a), a nulla hora via, ita quod predicta eclesia de Aqua|frigida et sui succesores faciant de predictis casalicio et orto quicquid facere voluerint, sine predicte ‚ufe con|tradic(ione). Insuper promisit predicta, obligando omnia sua bona pignori, permanendi tacita et contenta in | hac fine omni tempore suo dispendio, et hanc finem, ut supra dictum est, in manibus suprascripti domini (b) Antelmi, | ad partem et utilitatem predicte eclesie Sancte Marie de Aquafrigida. Et pro hac fine manifestum fuit suprascripte | ‚ufe se accepisse a suprascripto Antelmo, ex parte predicte eclesie, solidos .VIIII. et denarios quatuor denariorum novorum Me|diolanensium, quia sic inter eos convenit. Actum Insule nove, in domo Rubei Perbeloni. Predicta vero ‚u|fa hanc cartam finis, ut supra fieri, rogavit. Interfuerunt testes Arnaldus de Cantono et Arialdus Panicia et Iohannes | Musanig(ra) et Rubeus Perbelonus rogati. |
(SN) Ego Insulanus notarius imperialis aule hoc breve tradidi et scripsi.

(a) Così A.
(b) In d(omi)ni -n- corr. da lettera principiata, come pare.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS