Lombardia Beni Culturali
131

Carta investiture

1196 aprile 1, Como.

Rastello di Locarno, agente anche per conto dei suoi nipoti, Guifredo, agente anche a nome di suo fratello, e Comarico investono Roba Cagainosa, dell'Isola Comacina, agente anche per i suoi figli, e Alcherio Pellavixino, pure dell'Isola ma ora abitante a Vico, agente anche a nome dello zio, e Ogerio, figlio di Presbitero Cagainosa, agente anche per suo fratello Anrialdo e per conto dei figli di Giovanni Cagafaxolli, tutti dell'Isola Comacina, del feudo legale della sesta parte della decima che un tempo Guidobono de Vigo e i suoi antenati erano soliti tenere sulla montagna di Domafolli e di Dazio e nei loro territori, da Olonio sino al Masino in Valtellina, e di cui Redulfo, figlio del sopradetto Guidobono aveva fatto refuta, come appare in una carta rogata da Pietro giudice; contestualmente i suddetti vassalli prestano il dovuto giuramento di fedelità ai signori.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1502 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 135, pp. 264-266. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 452r; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 409v-410r; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 117, cc. 20v-21r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1502, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1502".
Nel verso, ove non si rilevano annotazioni di epoca medievale, si leggono: segnatura di fase C: "I, n. 9"; regesto Ferrario (ambedue leggili solo con l'ausilio della lampada di Wood). Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "135 .MCXCVI."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "117".

Cf. GRILLO, L'abbazia cistercense, p. 142n, ora anche in IDEM, La costruzione di un rapporto, p. 57n.

La pergamena (mm 267/260 x 122/116) si presenta complessivamente in buono stato di conservazione, nonostante alcune modeste lacerazioni in corrispondenza delle antiche piegature.
Manufirmatio fittizia, con numero di croci non corrispondente al numero dei testimoni.

(S) Anno dominice incar(nacionis) mill(e)x(imo) cent(eximo) nonag(e)x(imo) sexsto, primo die intrante ap(r)il(is), indi(ci)o(ne) quarta decima. In presentia infrascriptorum testium, dominus Rastellus de Locarno, pro se et | nepotibus suis, et dominus Guifredus, pro se et fratre suo, et dominus Comaricus investiverunt Robam Cagainosam, de Insula, ad partem filiorum suorum, et Alcherium Pellavixinum, | de Insula set modo habitat Vico, ad suam partem et patrui sui, et Ogerium, filium quondam Presbiteri Cagainosa, ad suam partem et ad partem Anrialdi fratris (a) sui et ad partem filiorum Iohannis Caga|faxolli, omnes de Insula, nominative de eorum recto et antico et legali feudo illius sexte partis decime quam olim Guidobonus de Vighi solitus erat tenere ab antecessoribus eorum in mon|tannia de Domafolli et Dacii et eorum territoris, ab Adolonio in sursum et a Maxino infra in Valletellina, et quam decimam antecessores predictorum de Insula tenebant per feu|dum a predicto Guidobono, et quam Reddufus (b), filius ipsius quondam Guidoboni, refutaverat in manu suprascriptorum dominorum per cartam atestatam a me visam et lectam et traditam per Petrum iudicem (1), | ita ut de cetero predicti vasalli de Insula et eorum heredes et cui dederint habeant et teneant predictam decimam et faciant exinde iure legal(i) et antiqui et sui recti feudi quicquid vo|luerint, sine sua heredumque suorum (c) contradic(ione). Et promiserunt eis, obligando omnia eorum bona pignori, predictis vassall(is) de Insula et suis heredibus defendere et guarentare predictam decimam, | ut supra legitur, ab omni homine omni tempore, usu et ratione, et pro suo dato et facto suo dispendio. Ibi statim predicti vassalli iuraverunt ipsis dominis fidelitatem manivam, salva alia fidelitate si | prior esset. Unde due carte uno tenore sunt rogate, quia sic inter eos convenit. Actum Cumis. |
† Sign(um) manuum suprascriptorum dominorum qui hanc cartam fieri rogaverunt, ut supra legitur. |
† Sign(um) manuum Nicolai Iudici (d) et Cavalcacani Brocci de Vico et Petri de Mellano et Ottobelli advocati et Fredi (e) de Vellio testium. |
(S) Ego Iohannes iudex hanc cartam tradidi et scripsi.

(a) fr(atri)s corr. da fr(atr)e, come pare.
(b) Così B.
(c) In suorum la prima -u- corr. da lettera principiata, come pare.
(d) Così A.
(e) In Fredi -r- corr. da lettera pricipiata

(1) Il documento menzionato non è stato reperito.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS