Lombardia Beni Culturali
133

Carta confessionis

1196 ottobre 31, Como.

Otto de Casalicio, dell'Isola Comacina, confessa di avere ricevuto da Uberto Rumomo, pure dell'Isola, un prato sito in territorio d'Isola, ove dicesi in Capra morta, per saldare il debito di cinque lire di denari, quale appare in un breve rogato da Isolano giudice.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1504 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 137, p. 268. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 452r; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 410r; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 119, cc. 20v-21r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1504, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1504".
Nel verso, di mano del rogatario, leggibile solo con la luce di Wood: "[Confessio] Otto[n]is d(e) Casalicio". Inoltre: segnatura di fase C: "V, n. 28"; regesto Ferrario. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "137 .MCXCVI."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "119".



La pergamena (mm 162/135 x 72/60), complessivamente in buono stato di conservazione, presenta alcune lievi macchie.
Rigatura a punta secca tracciata al verso.
Indizione settembrina.

(S) Anno d(omi)nice incar(nacionis) mill(eximo) cent(eximo) nonag(e)x(imo) sexto, ultimo die octubr(is), indic(ione) q(ui)ntadecima. | Confessus et contentus fuit Otto de Casalicio, de Insula, se accepisse ab Uberto Rumomo, de Insula, | peciam unam prati in solucionem illarum libr(arum) quinque d(e)n(ariorum), quas ei dare tenebatur per breve uno atestato et | per Insulanum iudicem scripto (1), quod pratum reiacet in territorio de Insula, ibi ubi dicitur in Capram mortam, quod breve | ipse Otto in se reservat per concordiam ipsius Uberti, et omne ius et acciones quod habet et habebat contra predictum Ubertum | pro ipso breve, si predictum pratum ei convinceretur in toto vel in parte colibet modo, quia sic inter eos convenit. Actum Cumis (a). | Predicti Otto et Ubertus hanc cartam fieri rogaverunt. Unde uno tenore rogate sunt due carte. |
Interfuerunt testes Nicolaus iudex et Lafrancus de Castello de Insula et Iacobus Lupus (b) et Marcius de Rovoledo. |
(S) Ego Otto iudex hanc cartam tradidi et scripsi.

(a) Cumis nel sottolineo con linea d'inclusione.
(b) Segue rasura per lo spazio di due lettere.

(1) Il documento menzionato non stato reperito.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS