Lombardia Beni Culturali
134

Carta vendicionis

1197 febbraio 25, Como.

Galletto, figlio del fu Ambrogio Gignati, di Lomazzo, vende a Giuliana, badessa del monastero di Santa Maria, edificato nei pressi della città di Como, detto monasteo vecchio, un appezzamento a campo e a prato sito a Lomazzo, ove dicesi in valle de Livra, al prezzo di tre lire e mezza di denari nuovi di Milano, che le monache prendono dalla somma ricevuta dal monastero di San Benedetto del monte Oltirone per la vendita della decima di Pona inferiore, di mezzo e superiore; e detto venditore dà garanzia di difesa e di protezione alle suddette monache, ponendo quale fideiussori i suoi fratelli Alberto e Ottobonello.

Copia autentica, BAMi, Pergamene, n. 1505 [B]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 138, pp. 269-271. Regesti: Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 410r; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 120, cc. 21v-22r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1505, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico (manca il regesto del Ferrario).
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1505". B è così autenticato: (SN) Ego Iacobus d(e) Caxino not(ariu)s hautenticu(m) hui(us) exe(m)pli vidi et legi ut in isto legit(ur) exemplo p(re)t(er) lit(er)as plus v(e)l minusve. | (SN) Ego Ard(er)icus d(e) Ma(n)cafaxa nota(riu)s et iud(e)x aute(n)ticu(m) huius exempli vidi et legi et ut in eo continebat(ur) sic in isto l(egitur) exemplo p(re)ter litt(er)as minusve. | (SN) Ego Ub(er)tus Stella in pectore nota(riu)s hoc exemplu(m) ex autentico exemplavi et ut in eo continebat(ur) sic et in isto legit(ur) p(re)t(er) lit(er)as plus minusve.
Nel verso, di epoca medievale, probabilmente del sec. XIII: "D(e) decima de Pona"; differente mano medievale seriore aggiunge, prima: "Investit(ur)a", e di seguito: "i(n) 1297" (così). Inoltre: segnatura di fase C: "C?, n. 27"; regesto Ferrario, individuabile con la luce di Wood ma illeggibile. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "138 .MCXCVII."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "120".



La pergamena (mm 286/280 x 234/217) presenta lievi macchie sparse; una macchia più rilevante è visibile nella parte superiore destra del supporto, in prossimità del margine laterale, tra le righe 3 e 7.
Rigatura a mina di piombo, anche con linee verticali delimitanti lo specchio di scrittura.
Scrive il Bonomi: "Nella suddetta carta il nome del notaro (così, in realtà giudice) che compose la carta trovasi dopo le due sottoscrizioni de' notari da quali è autenticata, e di più al detto nome si premette il segno di tabellionato di quello che lo trascrisse, cioè di Uberto, ambidue le quali cose non sono che sbagli d'attenzione" (Diplomatum, p. 271). In altri termini, e più semplicemente, relativamente alla successione d'ordine dei professionisti, si trovano: Iacobus d(e) Caxino not(ariu)s, che autentica; Ego Ard(er)icus d(e) Ma(n)cafaxa nota(riu)s et iud(e)x, che autentica; Iohannesbonus iudex, che roga il più antico mundum; Ub(er)tus Stella, in pectore nota(riu)s, che autentica e scrive la presente copia.

Anno dominice incar(nacionis) mill(e)x(imo) ce(n)t(eximo) (a) nonag(exim)o septimo, quarto die exeunte m(en)se fabr(uarii), indic(iona) quintad(e)cima. Cartam vendicionis ad proprium fecit Gallettus, filius quondam Ambroxii Gignati, de loco Lomacio, domine Iuliane, prelate et abatisse monasterii Sancte Marie, quod est constructum prope civitatem Cumanam, quod dicitur monasterium vetus, ad partem et utilitatem ipsius monaterii, nominative de petia una terre, que est campus et pratum iuris sui reiacente (b) in predicto loco et territorio Lomatio, et dicitur in valle de Livra; cui coheret a mane flumen Livre, a meridie Sancti Stephani de Fine, a sero ipsius monasterii et Sancti Dionisii, a monte heredum quondam Iohannis de Pasquario et ipsius monasterii, et est ipsa pecia terre pertic(as) sex tab(ulas) quinque minus, omnia et ex omnibus, inintegrum, pro precio et solucione libr(arum) trium et dimidie denariorum novorum Mediolanensium, quas confessus fuit ab ipsa domina Iuliana, ex parte suprascripti monasterii, accepisse, remota omni excempcione (c) non numerate pecunie (1), q(ui) d(e)n(arii) fuerunt de precio decime quam vendidit ipsum monasterium abbati monasterii Sancti Benedicti de monte Oltironi, ad partem ipsius monasterii, que decima est in locis et territoriis Pone de Supra et Pone de medio et Pone inferiori. Ita ut ipsa domina Iuliana et eius succetrices, ad partem ipsius monasterii, et cui dederit habeat et teneat predictam terram, ut supra legitur, inintegrum, et faciat exinde a presenti die in antea, una cum omnibus superioribus et inferioribus seu cum finibus et accessionibus suis, inintegrum, iuris proprietarii nomine, quicquid voluerit, sine ipsius Galletti venditoris suorumque heredum contradicione. Quidem promisit atque spopondit ipse Galectus (d) venditor, pro se et suis heredibus, omnia sua bona pignori obligando, et gaudiam (e) dedit prefate domine Iuliane, ad partem suprascripti monasterii, ita quod defendet ac guarentabit ei suisque succetricibus ac cui dederit predictam terram, ut supra legitur, inintegrum, ab omni homine omni tempore, iure et ratione, et pro suo dato et facto et ab uxore sua et suis heredibus, cum suo pignore et disspendio, in penam dupli. Et exinde posuit ei fideiussores Albertum et Ottobellum, fratres suos, qui omnia sua bona pignori obligaverunt in penam dupli, quia sic inter eos convenit. Actum in caneva ipsius monasterii.
Prefatus Gallettus et fideiussores hanc cartam fieri rogaverunt.
Interfuerunt Dominicus de Sasxello et Anselmus de Selorino et Pangerius de Vaccallo atque Andriorus de la Folla de Vaccallo rogati testes.
Ego Iohannesbonus iudex hanc cartam tradidi et scripsi.

(a) ce(n)t(eximo) add. nel sopralineo.
(b) In B reiacentei.
(c) Così B.
(d) Così B.
(e) Così B.

(1) Cf. Inst. Lib. III:XXIII.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS