Lombardia Beni Culturali
137

Carta confessionis

1199 ottobre 1, Como.

Delfino de Castello, di Menaggio, confessa che Otto de ‚ucca, dell'Isola Comacina, gli ha dato la metà del manso detto de Sorlena, sito in territorio di Lenno, esclusi un mulino, un prato (che al sopradetto Otto era stato venduto dai figli di Ottone Franzani) e una terra (tenuta da Bono de Massinate e fruttante un fitto di uno staio di segale e di uno staio di miglio), il quale mezzo manso viene dato a Delfino per il pagamento di settanta lire di denari nuovi, di tredici lire di denari nuovi meno due soldi, di ventiquattro soldi e di ventuno soldi, tutti documentati quali dovuti in altrettanti brevi, nonché di trentasei soldi, quali appaiono dovuti in una condanna; e tali documenti vengono incisi a seguito dell'avvenuto pagamento.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1509 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n.141, pp. 273-275. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 452v; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 410v; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 124, cc. 21v-22r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1509, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1509".
Nel verso, di epoca medievale, di epoca coeva alla redazione, come pare: "[Carta ...........] co[n]fessionis d(e) Dalfino d(e) Castello d(e) Menaxio d(e) Sorlena, i(n)i(ntegrum)" (de Sorlena inintegrum add. post da differente mano seriore pure di epoca medievale); è presente anche un'altra annotazione ill. di epoca medievale. Inoltre: segnatura di fase C: "I, n. 10" (incerta è la lattura dell'unità del numero); regesto Ferrario, leggibile solo con la luce di Wood. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "141 .MCIC."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "124".



La pergamena (mm 175/166 x 167/161) presenta estese aree di dilavatura dell'inchiostro, talora accompagnate da punti di abrasione accidentale, specie in prossimità del margine laterale sinistro, alle righe 1, 9-13 (tuttavia, grazie all'ausilio della lampada di Wood, è stata possibile la lettura quasi integrale del dettato). Si rilevano inoltre delle profonde lacerazioni in corrispondenza delle antiche piegature che, in corrispondenza della riga 12, sono accompagnate da un profondo strappo.
Indizione settembrina.

(S) [A]nno dominice incar(nacionis) mill(e)x(im)o cent(exim)o nonag(eximo) nono, mense octubr(is) p(r)imo die, indic(ione) t(er)cia. | Confessus fuit Dalfinus, de Castello de Menasio, quod Otto de ‚ucca, de Insula, dedit sibi | in solutum medietatem unius mansi qui dicitur de Sorlena, reiacentis in territorio de Lenno, preter | molendinum unum et pratum unum, quod dicebat ipse Otto se vendidisse filiis Ottonis Franzani, | et preter terram quam tenet Bonus de Massinate, ex qua ipse Bonus dat fictum star(ium) unum sical(is) | et star(ium) unum milii, quod molendinum et pratum et terram ipse Otto, sibi et illius quibus ea dedit, in se | retinuit et in predicta dationis solutione non sunt. Quam medietatem suprascripti mansi, exceptis his | que superius legontur, ipse Otto dedit ipsi Dalfino in solutum: pro libris septuaginata denariorum novorum in | una parte, per unum breve atestatum; et pro libris tredecim denariorum novorum minus sol(idos) duo, per unum aliud | [brev]e; et pro sol(idis) viginti quatuor, per unum aliud breve; et pro solidis viginti uno, per unum aliud | [brev]e; et pro solidis trigintasex per unam conde(m)pnac(ionem) (a) (1), et pro quibusdam aliis d(e)n(ariis), pro dispendio et guiderdo|no ipsorum d[enariorum]. Que brevia omnia debent remanere in usa (b) penes suprascriptum Dalfinum [………] | sec[…….…] et obligationibus ipsorum brevium ad defendendum se et medietatem suprascripti mansi, exceptis | exceptatis ab aliis creditoribus suprascripti Ottonis. Et si ipse res in solutum date ipsi Dalfino vel suis | heredibus vel cui dederit evincerentur aliquo tempore quod ipse Dalfinus et sui heredes et cui dederint | ha(bean)t illud idem ius et actiones versus ipsum Ottonem et in suis rebus pro suprascriptis denariis et pro dispendio et gui|derdono, quod et quas ante hunc contractum habuerat et ante incisionem illorum instumentorum, | quia sic inter eos convenit. Actum Cumis. Prefatus Dalfinus hanc cartam ut supra fieri rogavit. |
Interfuerunt Lanfrancus de Via, Doniottus de Insula de Vico, Anrigacius de Villa testes. |
(S) Ego Albericus iudex hanc cartam tradidi et scripsi

(a) Così A.
(b) Così A.

(1) I documenti menzionati non sono stati reperiti.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS