Lombardia Beni Culturali
138

Carta venditionis

1199 novembre 1, Acquafredda.

Uberto de Varinia e Giovanni Sacco, ambedue di Lenno, confessano di avere ricevuto da Giacomo, abate del monastero di Santa Maria di Acquafredda, con il consenso di Giovanni de Canova, padre di Ambrogino, sei lire di denari di Milano nuovi, che spettavano a detto Ambrigino da beni del citato padre, per parte di sua madre Plumenta, quale prezzo della vendita delle terre e delle case che il sopradetto monastero aveva acquistato da predetto Giovanni in territorio di Lenno, ove dicesi in Roncale, con l'obbligo di ratifica da parte di Ambrogino di questo pagamento quando sarà giunto a maggiore età.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1510 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n.142, pp. 275-276. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 452v; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 410v; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 125, cc. 21v-22r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1510, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico. Nota di repertorio Bianchi alla voce "Monastero di Acquafredda", BAMi, K 212 suss., p. 202.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1510".
Nel verso, di epoca medievale, annotazione di mano del rogatario: "C[arta finis] facta ab Ioh(ann)e Sacco et Ub(er)to d(e) Varinia d(e) facto | Ambroxini fil[ius] Iohannis d(e) Canov[a]". Inoltre: segnatura di fase C: "B", non accompagnata da numero o con numero illeggibile; regesto Ferrario, visibile ma solo parzialmente leggibile con la luce di Wood. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "142 .MCIC."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "125".

Cf. GRILLO, L'abbazia cistercense, p. 158n, ora anche in IDEM, La costruzione di un rapporto, p. 70n.

La pergamena (mm 190/186 x 184/182) si presenta in buono stato di conservazione, nonostante alcune modeste lacerazioni in corrispondenza delle antiche piegature e una lieve macchia nel margine laterale sinistro.
Indizione settembrina.

(S) Anno do(min)ice incar(nacionis) mill(eximo) cent(eximo) nonag(e)x(imo) nono, primo die novembris, indic(ione) t(er)tia. Contenti et confessi fu|erunt Ubertus de Varinia et Iohannes Sacco, ambo de Lenno, se accepisse a domino Iacobo, abbate monasterii Sancte | Marie Aquefrigide, ex parte ipsius monasterii, consentiente Iohanne de Canova, patre infrascripti Ambro|xini, illas libras (a) sex Mediol(anensium) novorum, remota omni exceptione non numerate pecunie (1), quas ipse Am|broxinus abebat super rebus suprascripti Iohannis, patris sui, nomine pro iustitia condam matris sue Plumente, | nominative pro illis (b) terris et casis quas (c) suprascriptum monasterium aquistaverat a predicto Iohanne in territorio de Lenno, | ubi dicitur in Roncale; unde promisere, obligando omnia sua bona pignori, ita quod posint convenire quem eorum | p(r)ius veluerint (d) in totum, renuntiando auscilio de minori. Set teneantur, tamquam de (e) suo spetiali facto, | suprascripti Ubertus et Iohannes quod habeant facere stare suprascriptum Ambroxinum tacitum et contentum in suprascripta solutione | et venditione a modo omni tempore, suo pignore et dispendio; et facere eum facere finem suprascripto monasterio | de omni iure et actione et ratione que et quas habet vel habere pos(set) in suprascriptis venditis, et dare iu|ra et actiones et rationes que et quas ipse haberet in predictis et pro predictis rebus, laude iudicis, | suprascripti (f) monasterii ad .XV. dies prosimos ex quo requixitum fuerit quando erit in legiptima etate, suo pi|gnore et dispendio; et si contra hoc veniret ipse Ambroxinus, per se et suos heredes, quod ipsi habent refacere to|tum damnum quod predictum monasterium inde alliquo modo haberet; et quas suprascriptas libras sex suprascriptus | Ubertus et Iohannes Sacco promisere, obligando omnia (g) sua bona pignori, salvandi (h) ad utilitatem suprascripti Am|broxini, quia sic inter eos convenit. Actum Aquefrigide. Interfuerunt Mudalbergus Magister et Iohannes, eius | filius, et Ugerius de Albino et Marchixius Trearia rogati testes. |
(S) Ego Iohannes iudex interfui et rogatus scripsi.

(a) libras su rasura.
(b) illis su rasura, come pare.
(c) In quas -a- corr. da lettera principiata, come pare.
(d) Non è esclusa la lettura voluerint, che tuttavia pare meno probabile.
(e) In d(e) d- corr. da lettera principiata.
(f) In s(upra)s(crip)ti -i corr. da lettera principiata.
(g) In om(n)ia -m- corr. da lettera principiata.
(h) Così A.

(1) Cf. Inst. Lib. III:XXIII.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS