Lombardia Beni Culturali
139

Breve investiture et assignationis

1200 febbraio 5, Acquafredda.

Giovannibono de Presbitero, di Tedegnano in Val d'Intelvi, assegna a don Giacomo, abate del monastero di Acquafredda, ogni suo diritto esercitato nella terra che aveva acquistato da Giovanni de Canova, sita nel luogo ove dicesi in Roncale, la quale terra era stata posta quale pegno da parte del sopranominato Giovannibono, ricevendo dal suddetto abate tredici lire di denari nuovi di Milano e trentadue denari.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1511 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 143, pp. 280-281. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 453r; Bonomi, Synopsis cronologica, BBMi, AE.XV.33, c. 410v; Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 126, cc. 22v-23r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1511, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico. Nota di repertorio Bianchi alla voce "Monastero di Acquafredda", BAMi, K 212 suss., p. 203.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1511".
Nell verso, di epoca medievale, forse di fase A: "B(re)ve loci dati a ‚anebono d(e) T(e)degnano ad d(e)fensione(m) t(er)re d(e) Roncal[e]" . Inoltre: segnatura di fase C: "B, n. 41"; regesto Ferrario. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "143 .MCIC."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "126".



La pergamena (mm 223/182 x 102/60) presenta alcune lievi macchie, soprattutto in prossimità del margine laterale sinistro.
Rigatura a mina di piombo.
La membrana è incisa per avvenuto pagamento.

(SN) Anno dominice incar(nacionis) mill(esimo) ducent(esimo), indic(ione) t(er)cia, die d(omi)nico qui est quintus dies intrante febr(uarii). Presencia bonorum | hominum, nomina quorum subt(er) leguntur, Iohannesbonus de Presbitero, de Tedegnano de valle Antelavi, investivit et in suum locum posuit et omne | suum ius (a) et rationes accionesque dedit et asignavit in manu et potestate don Iacobi, abbatis monasterii Sancte Marie de Aquafrigida, | suo nomine et nomine ipsius monasterii, nominative de totis illis rationibus et accionibus quos predictus Iohannesbonus habebat vel ullo modo aliquo tempore habere | poterat in tota illa terra quam suprascriptus abbas emit a Iohanne de Canova, in loco Roncale, pro .XIII. libris denariorum novorum Mediolanensium et .XXXII. denariis, | quam terram erat pignus prenominati Iohannisboni, per cartam unam attestatam relegens .XXI. lib(ras) denariorum novorum Mediolanensium (b) (1), de quibus denariis suprascriptus | abbas persolvit eidem Iohannibono .XIII. libr(ras) denariorum novorum et .XXXII. den(arios). Et ideo fecit predictus Iohannesbonus hoc breve, loci iamdicto domino | abbati, ut de cetero habeat ipsum ad defensionem huius terre et quod hinc in antea prenominatus abbas et suos successores habeant | tal(e) ius, acciones et raciones in predicta terra qual(e) habebat predictus Iohannesbonus. Actum in monasterio Sancte Marie | de Aquafrigida. Interfuere ibi Ubertus de Premesego et Stramucius de Maxena et Iohannes de Canova testes rogati. |
(SN) Ego Scotus imperialis notarius hoc breve tradidi et scripsi.

(a) In A iius.
(b) Segue q(u)os depennato.

(1) I documenti menzionati non sono stati reperiti.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS