Lombardia Beni Culturali
143

Carta venditionis

1200 dicembre 31, Pellio.

Maza, moglie di Ottobono de Pino, dell'Isola Comacina, figlia del fu Bonsati de Placa, di Pellio inferiore in Val d'Intevi, vende a Ottone un appezzamento sito sul monte dell'Isola Comacina e un sedime con corte, al prezzo di dieci soldi di denari nuovi di Milano.

Originale, BAMi, Pergamene, n. 1517 [A]. Trascrizione: Bonomi, Diplomatum, BBMi, AE.XV.33, n. 147, pp. 160-162. Regesti: Ferrario, Sommario cronologico, c. 453v (ma in data 1200 dicembre 1); Ceruti, BAMi, I 145 suss., n. 131, cc. 22v-23r; Bianchi, Inventario, BAMi, K 202 suss., n. 1517, e nella relativa scheda mobile dell'ordinamento cronologico.
Nel margine superiore sinistro del recto segnatura, pure di mano del Bianchi, che rimanda all'Inventario: "1517".
Nel verso, ove non si rilevano annotazioni di epoca medievale, si leggono: segnatura di fase C: "V, n. 29"; regesto Ferrario, leggibile solo con l'ausilio della luce di Wood. Infine: segnatura Bonomi, accompagnata da indicazione dell'anno: "147 .MCC."; segnatura Ceruti in pastello rosso: "131".



La pergamena (mm 201/190 x 166/160), nella parte sinistra, presenta estese rosicature che interessano la scrittura in modo sensibile. Si rilevano inoltre modeste lacerazioni in corrispondenza delle antiche piegature e lievi macchie sparse.
Indizione settembrina.
Il notaio Ť fortemente scorretto.

(SN) Anno dominice incar(nacionis) mill(e)x(im)o ducent(exim)o, die dominica qui fuit primo dies ex(eun)t(e) m(en)s(e) decenbr(is), indic(ione) | quarta (a). Vendic(ionem) (b) ad proprium fecit Maćam, uxorem Octobonus, fil(ia) condam Bonsati de Placa, de Pelli de subter | de Intellavo, per parabolla et consinmenti (c) viri sui Octo de Pino de Insula, nominative de petia una de tera | reiacente in territorio de Insula, in monte (d) de Insula, et de (e) sedimine unum cum curte (f); cui sedi|mine et cum curte coheret: a monte cum Plaore, de mediumdie viam et de domane convallio comunis (g) de Insula, a sero | viam caralem; ita ut de cetero ipse Octonus et sui heredes et cui dederit predictum sedimine et curte habeat | et teneant (h), sine contradic(ione) suprascripte (i) Maća suorumque heredum, iure proprietario nomine, et quidquic (j) voluerint exinde faciat. Et | [in]super predicta Maće (k) promisit, obligando omnia sua bona pignori presencia et futura, suprascripto Octo ita quod | [def]endet et guarentabit predictum sedimine et curte ei omni tempore ab omni homine, pro suo dato et facto, suo | [pi]gnore et dispendio, usu et racione. Et pro hac quidem vendic(ione) contenta et manifesta fuit predicta | [M]aća accepisse ab ipso Octo d(e)n(ariorum) novor(um) Mediol(anensium) sol(idos) decem, omni occasione et exceptione remota, | quia sic inter eos convenit. Actum Pelli loci de subter. Predicta Maća vero venditri(ci)s | [h]anc cartam fieri rogavit, ut supra legitur. |
Interfuerunt testes Baldoinus de Blaca, de Pelli de Subter de Intellavo, et Octobonus de Gesure, de Pelli de Subter de Intellavo (l). |
(SN) Ego Iordanus de Pino notarius hanc cartam tradidi et scripsi.

(a) In quarta -rta su rasura.
(b) In vendic(ionem) v- corr. da lettera principiata, come pare.
(c) Cosž A.
(d) In A mote.
(e) d(e) add. nell'interlineo.
(f) segue d(e) mo(n)ten cu(m) Plaore depennato.
(g) In co(mun)is co- corr. da gruppo di lettere non perspicue.
(h) Cosž A, con variazione nella persona del verbo, anche in seguito.
(i) In s(upra)s(crip)te -ste su rasura, come pare.
(j) Cosž A.
(k) Cosž A.
(l) d(e) Int(el)lavo nel sottolineo con linea d'inclusione.

Edizione a cura di Rita Pezzola
Codifica a cura di Rita Pezzola

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS